Asd Judo Club Porto San Pancrazio Podio al 35° campionato Nazionale Judo Csen

Evento Promosso da: JUDO CLUB PORTO S. PANCRAZIO

Al Playhall di Riccione 23 e il  24 novembre 2019 si è svolto il 35° campionato Nazionale Judo Csen, manifestazione che ha raccolto più di 850 atleti provenienti da più di 115  società sportive italiane, Malta e Repubblica di San Marino.

Erano tre gli scaligeri in gara Lavagnoli C, Cantarella M, Griso P. che riescono a portare a casa una medaglia d’argento per Lavagnoli Cristian che sale a podio per la categoria Master M3 -81Kg e due 5° posti per Cantarella Marco e Griso Piergiorgio, rispettivamente Master M4 -81Kg e Senior M -81Kg (per Griso fino a cinture verdi). Risultato più che soddisfacente in una manifestazione di alto livello contornata da un buon clima sportivo ed un’ottima organizzazione.

Si chiude così un 2019 intenso per la squadra scaligera che oltre all’attività agonistica svolta sul territorio italiano, ultime il trofeo città di Lodi e il trofeo città di Bolzano,  la vede impegnata a Verona con il progetto “Le Tate Toste” ,antiaggressione femminile e tutte le attività rivolte i bambini ,fanciulli e ragazzi ed adulti.

Gli atleti ringraziano tutti i compagni di allenamento, tutti gli istruttori tecnici incontrati nell’anno per primo Danilo istruttore storico del JC PSP,  i M° Johannes e Regina Daxbaker docenti IJF, Angelica e Pietro Ruga dell’accademia Pugilistica Veronese, il Rolling  Dream Team squadra di grappling che si allena al Payanini Center (Vr), Gianluigi Turco, Judo Club Ki Tai Ryu, Judo Club Mozzecane, Tsukury Judo Ventimiglia, il M° Franco Penna, il M° Nicola Distaso, il M° Cristian di Franco del settore nazionale Judo Csen e tutti gli atleti che si mettono in gioco durante le manifestazioni, senza i quali non sarebbe possibile confrontarsi e crescere.

Fare sport è importate ma è anche un grande impegno, farlo incontrando bravi istruttori e buoni compagni d’allenamento, che sanno trasmettere la parte migliore delle  discipline sportive dando per primi l’esempio,  rende la sfida il modo migliore ripagarli per tutto l’impegno dato prima come atleti e poi come istruttori. Grazie!

 

Vuoi maggiori informazioni?

Share

Strategy